"Hai presente quelle maledettissime farfalle ? Si,esatto,quelle. Sembra che abbiano creato un esercito contro di me. Non riesco proprio a digerirle. Non vogliono abbandonare il mio stomaco come io non voglio abbandonare te. E' solo che,anche ad un solo tuo sguardo,svolazzano dappertutto. Le parole vengono a mancare e i miei occhi,come dici tu,parlano, ma volte ciò non basta."

E mi manchi tanto. Mi manca vedere il tuo sorriso,sentire la tua voce. Il tuo modo premuroso ma anche il tuo lato severo quando mi dicevi,ad esempio,che dovevo spegnere il computer. Te lo ricordi? Io ricordo ancora quando le domeniche d’estate le passavamo a giocare a carte,e si,credevi essere il più forte oppure quando mi venivi incontro dicendo ‘ho preparato le lingue di gatto’,e sapevi che ne andavo pazza. La guerra,una volta mi hai raccontato anche di quella. I tempi duri e difficili. Mi sembra di rivivere le stesse cose senza te. Nonno,dove sei?

©